hader medianetwork ragnatela fb.png
workinprogres.jpg

Media - Associazioni - Giornalisti - Blogger - Creativi

insieme per l'informazione indipendente e la diffusione della cultura della legalità

100 PASSI MediaNetwork nasce da un idea di Rete 100 passi che fin dalla sua costituzione pensava che uno dei passi da fare per proseguire ai giorni nostri il percorso interrotto da Peppino Impastato dovesse essere la costituzione di una rete informativa, che: coinvolgendo mezzi d’informazione sparsi in tutta Italia, potesse dare voce a persone e tematiche che poco spazio hanno negli organi d’informazione tradizionale.

A 100 passi medianetwork, la cui partecipazione è completamente gratuita, possono aderire: radio, tv, giornali, blog che inviando notizie vogliano partecipare alla rete informativa raccontando il proprio territorio, ma non solo.

Il primo passo è comunque la nascita del network radiofonico, al quale possono partecipare radio web, fm, podcast e con qualunque sistema di trasmissione.

Il Network non si limiterà solo alla diffusione di notizie, ma intende diventare anche una struttura che possa circuitare idee, iniziative, eventi culturali ed artistici, oltre a promuovere l’interscambio di gruppi per favorire la socializzazione.

Per questo al network possono collaborare anche associazioni che operando nel settore: della legalità, lotta alle mafie, ambiente, solidarietà, integrazione, scuola, handicap, cultura, vogliano partecipare per far conoscere la propria mission e per organizzare eventi ed iniziative nel proprio territorio.

Far parte di 100 passi medianetwork significa entrare a far parte di una community dove ogni media mantenendo la propria autonomia in maniera paritaria mette in comune quello che può. Per questo, nella tradizione democratica della nostra storia, appena completato l'avvio 100 passi medianetwork avrà una struttura autonoma nazionale dove un rappresentate per ogni media deciderà insieme agli altri il cammino da percorrere.

 

100 passi medianetwork non è né alternativo, né in competizione con altri network, è un progetto nuovo che mettendo insieme media, associazioni, mondo del volontariato in una Community multimediale guarda alla nascita di un polo informativo unico nel suo genere.

 

100 passi media network ha mosso il suo primo passo nel 2018, anno del quarantennale dell'assassinio di Peppino Impastato.

Vogliamo che la partecipazione sia più ampia possibile per questo siamo ancora work in progress raccogliendo altre adesioni.

                                                               

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                        

 

 

 

 

 

Monica Soldano
Monica Soldano

press to zoom
Massimo Lauria
Massimo Lauria

press to zoom
Riccardo Orioles
Riccardo Orioles

press to zoom
Monica Soldano
Monica Soldano

press to zoom
1/16
radiopal
radiopal

press to zoom
Radio Siani
Radio Siani

press to zoom
Raduni-radiofonici universitari
Raduni-radiofonici universitari

press to zoom
radiopal
radiopal

press to zoom
1/7

Giornalisti

Radio

Hanno già dato la loro disponibilità a

  100 passi MediaNetwork

VIENI anche tu
Per saperne di più:
tel. 335 8087476 medianetwork@100passi.net

100 Passi MediaNetwork

informazione libera ed indipendente

“In questa società comanda soprattutto chi ha la possibilità di convincere. Convincere a fare le cose: acquistare un'auto invece di un'altra, un vestito, un cibo, un profumo, fumare o non fumare, votare per un partito, comperare e leggere quei libri. Comanda soprattutto chi ha la capacità di convincere le persone ad avere quei tali pensieri sul mondo e quelle tali idee sulla vita. In questa società il padrone è colui il quale ha nelle mani i mass media, chi possiede o può utilizzare gli strumenti dell'informazione, la televisione, la radio, i giornali, poiché tu racconti una cosa e cinquantamila, cinquecentomila o cinque milioni di persone ti ascoltano, e alla fine tu avrai cominciato a modificare i pensieri di costoro, e così modificando i pensieri della gente, giorno dopo giorno, mese dopo mese, tu vai creando la pubblica opinione la quale rimugina, si commuove, s'incazza, si ribella, modifica se stessa e fatalmente modifica la società entro la quale vive. Nel meglio o nel peggio".

                                                                                                                                         Giuseppe Fava